La toelettatura2017-12-06T16:40:48+00:00

La toelettatura

Il Jack Russell Terrier , a seconda del tipo di mantello, viene toelettato in modi diversi, ma la terminologia inglese che contraddistingue le diverse azioni volte alla preparazione e’ comune ai vari tipi di Jack: Liscio , Light/Broken, Broken e Ruvido.

Tutti i Terrier, ed in questo caso i Jack Russell Terrier, sono forniti di un bel mantello folto, compreso i Lisci, e quindi la toelettatura ha lo scopo di esaltarne le forme eleganti e stilizzate che li contraddistinguono, eliminando il pelo in eccesso e mantenendolo sempre con la corretta tessitura.

Nel giudizio di un Terrier (per chi si dedicherà al mondo delle Expo’) è determinante la qualità del pelo e la sua condizione.

Un bel cane mal toelettato o con una cattiva tessitura del mantello verrà sicuramente penalizzato dal giudice specialista.

La toelettatura si compone di tre distinte operazioni che possono essere distinte come di seguito.

GROOMING

E’ un sistema di manutenzione che vale per tutti i Jack Russell Terrier ed è la combinazione di spazzolare e  pettinare sistematicamente il cane fin dalla più tenera età per impedire la formazione di nodi e favorire la crescita di un buon pelo mantenendolo pulito ed eliminando il pelo morto.

STRIPPING

Letteralmente “strappare” ed è in verità anche il suo significato più autentico.

Si pratica su tutti i Terrier a pelo ruvido e consiste nell’eliminazione a strappo del pelo morto o troppo lungo, permettendo così il suo rafforzamento o la sua ricrescita.

Ricordatevi che il Terrier a pelo ruvido deve avere il pelo veramente più duro che si può. E’ un capitolo dedicato interamente ai Jack (ai vari tipi di mantello: Liscio-Light/Broken-Broken e Ruvido) e serve a mantenere la naturale consistenza del pelo che, come abbiamo già detto, è doppio: composto di sottopelo morbido e di pelo di copertura duro.

Il pelo “da stripping” è grosso e consistente, ruvido al tatto.

Per mantenerlo tale è quindi necessario usare la tecnica dello stripping.

Lo si effettua sia con i coltellini da stripping , sia con le dita.

Abbiamo già detto che il coltellino NON deve essere tagliente, né contenere lamette.

Dopo aver spazzolato il cane a lungo si passa il coltellino  di piatto, come se fosse un pettine stando attenti a non ferire la cute per eliminare il sottopelo in eccesso.

Questa operazione va eseguita ogni settimana, secondo la capacità di crescita che varia da cane a cane.

Eliminato il grosso del sottopelo si passa allo stripping vero e proprio: si parte prendendo piccole ciocche di pelo verso la cima e strappandole con colpi brevi e decisi.

L’altra mano deve tener tesa la pelle del cane nella zona in cui si “strippa” sia per procedere speditamente che per procurare meno fastidio possibile al cane.

Si parte generalmente dalla testa per finire alla coda, lavorando i lati del collo, i fianchi, le cosce etc.

E’ buona regola terminare una parte del corpo per passare ad un’altra.

La stessa tecnica si può usare con le dita, strappando piccoli ciuffi di pelo ed aiutandosi nell’operazione con un guanto di lattice (tipo chirurgo).

Il coltellino a denti piu’ stretti, più fine, è usato per determinate zone del corpo come la testa e sulle orecchie .Questo coltellino viene utilizzato anche per le rifiniture di tutti i Terrier a pelo ruvido.

Il Terrier, appena strippato, è in sottopelo che è corto e morbido. Dopo poche settimane il pelo “vero” duro e setoloso ricrescerà e nel giro di due mesi il vostro Terrier sarà al top della condizione.

Lo stripping va sempre praticato NEL VERSO DEL PELO e mai contropelo.

Nella figura al lato abbiamo inserito un modello ” Jack ” suddiviso in ellissi, ognuna di queste ultime contraddistinta da un colore che indica la lunghezza del pelo a seconda le varie zone del cane.

Abbiamo, così, tre colori fondamentali:

  • Blù ( indica le zone su cui apportare piccoli ritocchi, ove l’azione dello stripping deve essere quasi nulla, quì si lavora principalmente con le forbici per sistemare)
  • Verde ( individua le zone del corpo da ritoccare secondo il gusto personale, la lunghezza del pelo và scelta in base alla conformazione del cane )
  • Rosso ( individua le zone del corpo ove si andrà a lavorare di più, da far rimanere pulite al fine di far intravedere la cute con le macchie)

La testa del Jack Russell Terrier a pelo ruvido  và strippata facendo molto attenzione; useremo principalmente le mani, che “strapperanno” il pelo.La barba và sistemata leggermente, le sopracciglia vanno tenute separate e della lunghezza di 2cm circa, lo stop deve essere ben pulito, così come le orecchie, la fronte e le guance.

Collo: Ben pulito.

Tronco: Ben pulito.

Zampe anteriori: Vanno appena ordinate, in genere rimangono belle vaporose spazzolandole contropelo.

Zampe posteriori: Pulire bene la coscia lasciando appena più lunga la parte riportata in verde nella foto se il cane è particolarmente “leggero”. La parte del garretto va lasciata lunga (sempre ordinata).

Coda: Va sistemata in base alla sua morfologia: Di solito con code lunghe e fine tendo a lasciarle un pochino più pelose arrotondando la punta (questo permette di farle sembrare un pochino più corte e massicce). Con code corte e tozze possiamo accorciare di più il pelo e decidere se lasciare la punta o arrotondare.

Per i soggetti a pelo broken il procedimento sarà lo stesso calcolando naturalmente la differenza di lunghezza del pelo.

I cuccioli di età inferiore ai 4-5 mesi non vanno strippati.

TRIMMING

Serve a mantenere sempre il cane toelettato, in buone condizioni di mantello, ad omogeneizzare tutte le parti del corpo già trattate ed a rifinire esteticamente e con precisione il proprio cane. Si può intendere il Trimming come operazione di rifinitura.

E’ la terza fase della toelettatura e si fa su tutti i tipi di Terrier. Consiste nel rifinire ed omogeneizzare tutte le parti del corpo già lavorate e di raccordarle fra loro.

Con il Trimming si rendono invisibili le linee di demarcazione fra: parte rasata, parte strippata lunga e corta e parte tagliata a forbice.

Degradare il pelo fra una zona e l’altra, senza che ciò si noti, e rendere omogeneo e compatto tutto il cane è una indubbia arte che non tutti sanno praticare.

Nei Terrier a pelo ruvido e broken il Trimming viene eseguito con l’uso di:

  • coltellino da stripping a denti stretti
  • forbici dentate
  • forbice da parrucchiere

Alcuni toelettatori si servono anche del rasoio, ma per i non esperti è meglio rinunciare al suo uso.
    

QUANDO SI LAVA UN TERRIER

Solamente quando è sporco. I lavaggi troppo frequenti ammorbidiscono eccessivamente il pelo rendendolo privo di consistenza.

Si deve usare esclusivamente shampoo e condizionatori per cani  secondo il tipo di pelo.

Chi abbia perciò un Terrier a pelo ruvido deve acquistare shampoo adatto a quel tipo di pelo e così chi ha un Terrier a pelo morbido o setoso deve acquistare shampoo nutriente ed emolliente ed usare obbligatoriamente il condizionatore o balsamo.

I cuccioli non vengono lavati  spesso per evitare infreddature almeno fino alla seconda vaccinazione, ma ci sono in commercio shampoo a secco o lozioni che sopperiscono bene al bagno vero e proprio.

Il Terrier a pelo ruvido deve essere strippato prima del bagno e mai viceversa.

Il Terrier da esposizione viene lavato più di frequente, in genere prima di ogni esposizione, ma è mia esperienza personale, nel Terrier a pelo ruvido, di non usare balsamo e di trimmarlo prima del bagno.

L’asciugatura ben eseguita e completa è necessaria, oltre che per la salute del cane, anche per evitare ondulazioni del pelo indesiderate. Il phon non deve emettere aria troppo calda che disturba il cane e può “bruciare” il pelo.


Il bagno

L’operazione fondamentale per l’igiene del cane è il bagno. Non esistono regole precise per la frequenza con cui lavare l’animale, ma è opportuno che lo si faccia almeno 4-5 giorni prima di una singola Expo’.
Se ci accorgiamo che l’animale ha paura dell’acqua, non dobbiamo immergerlo con forza, ma deve essere avvicinato progressivamente, e la stessa deve essere tiepida.
Conviene usare uno shampoo specifico come detto sopra. S’inizia a bagnarlo con la doccia o con un secchiello, e lo si incomincia a insaponarlo dalla coda verso la testa facendo attenzione a che il sapone non entri negli orecchi o negli occhi.
Dopo averlo sciacquato abbondantemente occorrerà strizzare il pelo delicatamente per fare uscire più acqua possibile, ed infine si asciugherà con l’asciugamano o, ma con cautela per abituarlo al rumore, con il phon, e per finire fargli fare una corsetta per attivare la circolazione, naturalmente non all’aperto se il tempo è freddo.

 

Perchè scegliere me

  • Sono specializzata nella toelettatura del Jack Russell da molti anni e sono una “Handler Professionale” iscritta al Registro Handler Ufficiale dell’Enci

  • Valorizzo al meglio le caratteristiche del singolo cane sulla base del pelo e della struttura fisica

  • I cani che toeletto vengono spesso giudicati con la qualifica ” Eccellente ” da Giudici Enci Specializzati nella Razza

Cosa dicono gli altri

Il mio Filippo sembrava una pecora e molti dei tolettatori a cui lo avevo portato non mi avevano convinta. Sotto le mani sapienti di Angela sono riuscita a vederlo bello come quando era cucciolo

Jessica

Angela riesce a tramutare le pecore che gli porto in cani da expo

Vito, Your Content Goes Here

CONTATTAMI

Vuoi prenotare la strippatura per il tuo cane? Compila il modulo qui sotto per prendere un appuntamento


Angela Ventre
Angela VentreToelettatura & Handler